Le Vostre Storie

RACCONTAMI LA TUA STORIA

Sei un Chimico , un Biologo o un tecnico di laboratorio?
o magari sei un RSPP o ASPP?
Insomma in qualche modo hai a che fare con le cappe (DPC)?

Raccontami la tua storia e le più complete
e dettagliate verranno premiate
ricevendo in omaggio il mio Libro sulle cappe!

(Se vuoi maggiori dettagli sul libro clicca su questo LINK)

In questa pagina voglio darti lo spazio che meriti, ad esempio puoi parlare:

  • del tuo percorso di studi
  • della prima volta che sei entrato in un laboratorio
  • del tuo approccio alle cappe da laboratorio
  • se ti sei sentito pronto a manipolare sostanze pericolose e/o cancerogene
  • fare un’elenco di sostanze chimiche manipolate
  • se  pensi di aver ricevuto una preparazione adeguata all’utilizzo delle cappe
  • se la persona che ti ha affiancato all’inizio era una persona competente
  • se i ruoli vengono rispettati, se vengono date direttive e informazioni in generale
  • delle tue emozioni, di come ti sei sentito tu come persona e futuro professionista
  • se entrato in un’azienda le condizioni sono migliorate e perché
  • se nel mondo del lavoro è cambiato qualcosa e cosa rispetto al mondo universitario
  • se le aziende ti rispettano e se la sicurezza per te come operatore è rilevante per loro
  • se gli RSPP sono preparati sulla sicurezza in materia delle cappe o meno

Insomma parla di quello che vuoi purché la verità venga a galla e che possa essere di aiuto a molti altri che potrebbero 
trovarsi in situazioni simili, infatti se poi hai dei consigli da dare scrivili senza problemi.

Clicca qui in basso e racconta la tua storia, non avrai molte altre occasioni nella vita probabilmente!

N.B. Inserendo la tua storia dai anche il consenso alla divulgazione sia online che offline perdendo ogni diritto sui contenuti da te descritti, che non verranno in alcun modo alterati in nessuna parte e riproposti integralmente come d te riportati salvo per parole o frasi offensive che potrebbero essere moderate così come l’intero contenuto se ritenuto non corretto e in linea con i valori richiesti.

Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il tuo indirizzo IP 54.225.57.89.
Il tuo messaggio potrebbe essere visibile nel guestbook solo dopo che l'avremo controllato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, eliminare o non pubblicare messaggi.
7 entries.
Tiziana Tiziana pubblicato il 1 ottobre 2017 alle 13:54:
Sono Tiziana, sto preparando la tesi di laurea in Tecniche della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro abilitante alla figura di ASPP. Il progetto di tesi è incentrato sulle cappe chimiche, in particolare nella validazione di metodi alternativi al test di contenimento previsto dalla EN 14175, di conseguenza in questo periodo ho trascorso molto tempo in laboratorio. Ho avuto a che fare con tesisti, professori associati, tecnici di laboratorio e ho potuto constatare come, la percezione del rischio vari in proporzione all'esperienza. Ho svolto un'indagine tramite un questionario per meglio comprendere il loro grado di percezione del rischio riguardo i pericoli presenti in laboratorio. Dalle risposte ricevute è stato possibile constatare che i tecnici di laboratorio e i professori associati hanno acquisito una maggiore consapevolezza dei rischi rispetto ai tesisti, ai tirocinanti, i quali però trascorrono in laboratorio gran parte della giornata, senza la supervisione di qualcuno, ed utilizzano quindi le cappe in modo non efficace. Preciso però che le cappe chimiche non vengono utilizzate in modo adeguato da tutti coloro presenti in laboratorio. Solitamente il saliscendi viene posizionato ad un'altezza superiore a quella standard (40 cm) durante tutte le operazioni, anche in assenza di personale. Inoltre, non viene tenuto conto della velocità di aspirazione delle cappe che dovrebbe essere adeguata al tipo di sostanza impiegata: venivano utilizzate le cappe disponibili e non quelle adeguate al tipo di sostanza. Durante la tesi ho effettuato personalmente alcune prove su cappa chimica, conscia della buona prassi da adottare e mi sono resa conto che, senza adeguata informazione, formazione e addestramento la cappa chimica può rivelarsi un'arma a doppio taglio, se non la si usa correttamente. Ho utilizzato della formaldeide, che nel 2016 è stata ufficialmente classificata appartenente al gruppo 1B della classificazione IARC, nonostante utilizzassi poche quantità, con i corretti accorgimenti riguardo l'altezza del saliscendi, ho constatato che l'efficienza delle cappe chimiche non è del tutto adeguata, quindi mi sono chiesta: come posso fare per valutare l'efficienza delle cappe? Esiste un metodo semplice ed efficace per valutarle? Il metodo riportato dalla UNI EN 14175, in un contesto come quello universitario, è pressoché impossibile da applicare, sia per i costi esagerati, per le attrezzature ma anche per le condizioni ideali necessarie per le misure di contenimento. Non ha alcun senso effettuare delle prove in condizioni ideali se poi, durante le attività lavorative, le condizioni sono tutt'altro che ideali, anche soltanto la presenza dell'operatore e le alterazioni subite dall'aspirazione al passaggio e al movimento di quest'ultimo. La mia ricerca è in atto, intanto affermo che sono completamente d'accordo con quello che il dr. Cirillo riporta all'interno del suo libro. Leggerlo è stato di vero aiuto a comprendere meglio i veri pro e contro dell'utilizzo di queste attrezzature.
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Cara Tiziana è un piacere leggere che una ragazza così giovane voglia fare una tesi sulle cappe chimiche. Questi dispositivi di protezione collettiva infatti sono fondamentali ed essenziali al fine di garantire la sicurezza degli operatori quindi è fondamentale accendere dei riflettori sul loro corretto utilizzo e le eventuali prove che sono necessarie per capire se stanno funzionando nel modo corretto o meno. Leggo che stai osservando i tuoi colleghi e che spesso noti comportamenti sbagliati nell'utilizzo e purtroppo questa non è una novità per me. E' proprio quello che sto cercando di fare da un po di tempo in quanto sono circa 15 anni che mi sto specializzando sulle cappe e ho notato un profondo GAP su questa tematica. Ti auguro il meglio e un grande in bocca al lupo per la tua tesi. Potrai chiedermi eventuali delucidazioni sulle cappe perché quando posso cerco di aiutare, soprattutto ai ragazzi giovani come te.
Paolo Zucchini Paolo Zucchini da padova pubblicato il 26 settembre 2017 alle 11:22:
Mi chiamo Paolo e lavoro da 30 anni in ambito sanitario. Ho iniziato a lavorare come tecnico di laboratorio, dopo aver finito la scuola tecnica professionale di tecnologie di laboratorio chimico biologico, in una ditta farmaceutica che produce vaccini per animali. Qui ho lavorato per 15 anni dal 1987 al 2001. Ero in produzione e si inattivava il liquido allointoideo con formalina e poi successivamente con betapropiolactone. In quegli anni la formalina la si usava molto allegramente senza molte precauzioni, pensate si facevano addirittura le fumate con formalina e permanganato nelle incubatrici per disinfettare tutto. Per il bealactone si usava una cappa chimica da banco, ma poiché era troppo bassa veniva alzata con dei piedini di 25 cm lasciando così facendo scoperte i lati della cappa. Secondo il mio parere questo utilizzo era del tutto scorretto perché si cambiavano i flussi di aspirazione. poi ho vinto il concorso all'università a veterinaria nel laboratorio di riproduzione come tecnico dedicato al lab. E qui sono rimasto e lo sono ancora oggi della totale ignoranza sull'utilizzo di cappe sia chimiche che di quelle biologiche. Nel frattempo mi sono laureato nella trinale sempre in tecniche di laboratorio biomedico, e anche qui come info e formazione sull'utilizzo di cappe biologiche e chimiche si dà troppo scontato alcune cose, come se la cappa in se bastasse a risolvere i problemi. Devo dire che dopo 30 anni di lavoro segnalo ancora molta confusione sull'utilizzo corretto di questi DPC e sopratutto dall'interno dell'università purtroppo c'è ancora molta ignoranza sia sulla sicurezza in generale che su questi dispositivi. C'è moltissimo lavoro da fare ancora e sopratutto sconfiggere l'arroganza e i cosi detti tuttologi, dove in un mondo sempre più specializzato non hanno più senso di esistere, o meglio di parlare oltre le proprie competenze professionali.
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Ciao Paolo ti ringrazio per aver condiviso una parte della tua storia con tutti noi. Sarà sicuramente di aiuto a qualcuno, soprattutto a qualche ragazzo giovane che sta cominciando e approcciandosi all'utilizzo delle cappe. Mi è venuta la pelle d'oca quando hai scritto: " Ero in produzione e si inattivava il liquido allointoideo con formalina e poi successivamente con betapropiolactone. In quegli anni la formalina la si usava molto allegramente senza molte precauzioni, pensate si facevano addirittura le fumate con formalina e permanganato nelle incubatrici per disinfettare tutto. " Allucinante! Volevo anche confermare le tue preoccupazioni circa il fatto che sollevavate la cappa con dei piedini perché troppo bassa lasciando scoperte le parti laterali. Purtroppo alterare in qualsiasi modo la struttura o il funzionamento di una cappa non è mai una buona idea. Le cappe devono rispettare delle caratteristiche affinché possano svolgere il loro lavoro quindi colgo l'occasione per dire a tutti di evitare di alterare il funzionamento in qualsiasi modo. Mi sono capitate cappe che per farle aspirare meglio, gli è stato piazzato un ventilatore sul fronte così da spingere l'aria all'interno, purtroppo non funziona così e anzi si rischia di buttare fuori tutto il contaminante. Poi leggo che dopo 30 anni di lavoro ancora oggi trovi molta confusione in materia e questa è un'altra verità purtroppo e io sto cercando di fare tutto quello che posso scrivendo gli articoli, facendo i video e fornendo il mio libro. Vedrai che piano piano le cose cambieranno ma bisogna agire sui giovani perché molte persone di "esperienza" non riescono a scardinare a pieno le cattive abitudini. Grazie anche a te e ai tuoi colleghi che hanno lasciato le loro testimonianze qui. Un caro saluto e per qualsiasi domanda, inerente le cappe, sai dove trovarmi.
Sara Sara da Roma pubblicato il 18 luglio 2017 alle 14:52:
Ho sempre pensato che in un laboratorio, che sia esso chimico o microbiologico, sia importante seguire delle regole ben precise, fare un ottimo lavoro di squadra e essere consapevoli di quello che si sta maneggiando; fin qui tutto ok chi è che non sarebbe capace di seguire queste semplici regole. Una settimana fa vengo invitata su Linkedind dal Dottor Fabrizio Cirillo della Techno s.r.l. per seguire dei corsi della durata di un giorno e mezzo per parlare di cappe biologiche, cabine Biohazard, di cappe chimiche e di REACH e CLP; tra me ho pensato: "Ok sono cose che conosco saranno delle ripetizioni di quello che già mi capita di fare in laboratorio, qualche ramanzina su cosa fare e cosa non, mi rilasciano attestati validi e io continuo a fare il mio lavoro come sempre". Arrivata il primo giorno mi imbatto in colui che si sarebbe occupato della parte delle cappe biologiche e chimiche il Dottor Paolo Antonio Parrello, formatore della salute e della sicurezza, e inizia una piacevole conversazione, iniziamo a parlare di cosa facesse lui e di cosa mi occupassi io finchè inizia il corso... ero allibita da quello che stavo ascoltando, ok sì ogni giorno si entra in laboratorio ci si mette sotto una cappa e si inizia a lavorare... ma quelle cappe sono davvero a norma? Perchè mi capitava spesso di sentire odori di acidi che stavo maneggiando che in realtà non avrei dovuto sentire? Ma soprattutto perchè ci sono persone convinte che solo perchè lavorano in laboratorio da tanti anni a loro non capiterà mai nulla? Non è difficile mettersi un camice ed evitare di andare anche al bar con esso, non è complicato mettersi gli occhiali di protezione ed evitare di avere dei danni irreparabili alla retina, e mettersi la mascherina è troppo? E dei REACH ne vogliamo parlare? Quanti di voi ne sanno effettivamente qualcosa? Qualcuno sa di cosa parla questo regolamento e di quante aziende chimiche stiano per chiudere? Tornare in laboratorio e cominciare a rimproverare chi non segue delle regole ben precise non è per essere puntigliosi ma per proteggere la vita di noi stessi e dei colleghi che lavorano con noi. Fare dei corsi come questi crea un'altra visione del laboratorio sia questo chimico o microbiologico. Mi hanno sempre detto che a livello di aziende farmaceutiche le regole vengano seguite e rispettate, purtroppo non ho mai avuto la fortuna di riuscirci a lavorare ma, se mai un giorno mi dovesse capitare, sicuramente potrò fare le mie dovute valutazioni.
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Salve Dott.ssa Sara Goffi è stato un piacere averla ai nostri corsi e sono molto contento che li abbia trovati interessanti. Sono in molti ad avere la stessa sensazione e pensare le sue stesse cose, le cappe già le conosciamo, cosa ci dovrete raccontare più di quello che già sappiamo e così via ma poi si ricredono tutti e dico proprio tutti. Riceviamo una sfilza di complimenti e la maggior parte sono proprio di persone che sono rimaste basite nel scoprire che non avevano mai avuto una formazione del genere ne a lavoro ne tanto meno alle università Mi dispiace deluderla sul mondo del Farmaceutico perché l'ignoranza e la mancanza di consapevolezza regna sovrana in questo mondo e non risparmia neanche il Farmaceutico Le cose le fanno accadere le persone e quindi dipende tutto dalle persone che presiedono incarichi rilevanti e che possono in qualche modo decidere in primis di FARE e poi subito dopo di FARE BENE Spesso qualcuno si rende conto che ha chiuso gli occhi per troppo tempo mettendo a rischio se stesso e gli altri e decide di fare qualcosa attivandosi ad esempio per fare corsi oppure per chiedere una manutenzione delle proprie cappe ma a quali docenti vengono affidati i corsi? a chi vengono affidate le manutenzioni delle proprie cappe? rispondo io: " a chi fa il prezzo più basso" Quindi le auguro di poter entrare in un'azienda farmaceutica anche perché con la consapevolezza che ha maturato oggi che le cappe da laboratorio non sono un arredo ma dei DPC (Dispositivi di protezione collettiva) sarà sicuramente una valida alleata contro l'ignoranza e potrà aiutare suoi colleghi a comprendere i rischi reali che si corrono nell'utilizzare una cappa chimica o biohazard nel modo non corretto La ringrazio nuovamente anche per questo suo articolo che sarà sicuramente di aiuto a qualcuno, anche fosse un solo tecnico di laboratorio
Carlo Carlo da Mantova pubblicato il 2 luglio 2017 alle 20:48:
Il primo ricordo legato all'uso di una cappa chimica risale alla tesi magistrale. Una mattina, insieme ad un altro ragazzo ed al dottorando, dicemmo alla prof che avremmo fatto un po' di ordine in laboratorio e che avremmo fatto pulizia anche sotto le cappe. Ci chiese perché pulizia, le spiegammo che c'era polvere sotto cappa. Rimase molto colpita da questa polvere e ci fece notare che non ci dovrebbe essere se la cappa tira bene... Giusta osservazione prof! Successivamente, nel mio primo impiego, ho avuto la fortuna di lavorare per una società che stava investendo molto sulla sicurezza. Ha intrapreso una propria e vera lotta contro gli incidenti sul lavoro, ma soprattutto sulla consapevolezza dei rischi che si possono correre sul posto di lavoro. Però tutto sommato veri e propri corsi su come si usano in moto ottimale una cappa chimica od una biologica non sono mai stati fatti. Lo si dà spesso per scontato che uno lo sappia già o dall'università o dalle superiori. Infine, in questa mia nuova esperienza lavorativa, il tracollo. In poco tempo ne ho già sentite da far più che accapponare la pelle. . Abbiamo ridotto al minimo il flusso della cappa perché rendeva instabile la bilancia e la pesata. (Detta al ragazzo che con l'anemometro cercava disperatamente un segnale di flusso) . Non accendo la cappa perchè fa rumore. . Puoi fare questa operazione sotto cappa, anche spenta, perchè tanto un minimo flusso verso l'esterno c'è sempre. . Chi la accende solo per la luce . Per rendere più alto il piano di appoggio hanno aggiunto due pezzi di compensato uno sopra l'altro, che oltre a bruciare assorbono anche tutto quello che gli cade sopra. . Per un motivo non ancora noto, in un'altra cappa, hanno ricoperto il fondo una gomma nera. Poi ecco... fossimo dei farmacisti che fanno farmaci omeopatici, ma lavoriamo la formaldeide. Sono proprio sconfortato nel vedere ancora realtà di questo tipo, sopratutto in siti con tutte le certificazioni del caso.
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Ciao Carlo piacere di conoscerti, sono Fabrizio Cirillo e ti do il benvenuto sul mio portale informativo delle cappe da laboratorio ho letto con cura quanto da te riportato e mi sorprendo come possano emergere sempre cose nuove non avevo mai sentito alcune di queste cose che citi. E' incredibile che lavorando con un cancerogeno come la formaldeide i tuoi colleghi abbiano una sensibilità e una percezione del rischio così bassa Non la comprendo questa cosa al 100% ma devo dire anche che la colpa non è tutta loro, così come accennavi tu l'errore è già alle scuole superiori e le università Piano piano qualcosina sta cambiando anche grazie ai molteplici corsi di formazione che stiamo facendo anche ad RSPP che vogliono migliorarsi Cmq per dirti alla veloce, non lavorare mai con una cappa chimica spenta o con flusso completamente assente soprattutto se usi sostanze cancerogene inoltre ci sono tantissime altre considerazioni che si potrebbero fare, tutti dettagli che potrai trovare all'interno degli articoli del portale Ti ringrazio per aver condiviso un pezzetto della tua storia e per premiarti di questo vorrei omaggiarti di una copia del mio libro "Apocalisse zombie" qualora sia gradita che ti verrà spedito direttamente all'indirizzo che vorrai. riceverai una mail al tuo indirizzo di posta dove ti verranno chiesti i dati per la spedizione. intanto puoi avere maggiori dettagli andando nella sezione "il mio libro" ripeto, non acquistarlo perché te lo regalerò Buona giornata
Federica Federica da Milano pubblicato il 12 marzo 2017 alle 15:30:
Ancora ricordo l'incidente presso la Statale di Milano del 2014, poi quello è stato un caso che è andato sui giornali ma non è stato di certo l'unico. In quella occasione ne aveva parlato il giornale milano.repubblica.it e allora ha fatto scalpore ma poi in realtà se ne parla veramente poco della sicurezza e la mia impressione è che venga tenuto tutto a tacere. Alla Statale si sono feriti dei ragazzi che non erano seguiti e che lavoravano con acidi fuori dalle cappe poi hanno pensato bene di versarlo negli scarichi e grandi quantità di vapori ne sono fuoriusciti intossicandoli lievemente per fortuna Però poi è venuta la ASL che ha chiuso tutto e allora uno pensa che le cose cambiano ma in realtà è solo una piccola goccia nel mare e tutto torna come prima Mi chiedete di parlare delle cappe, che dire, sinceramente credo di essere autodidatta un pò come tutti perché che io sappia non esiste ancora oggi un vero e proprio percorso universitario sull'utilizzo in modo giusto delle cappe da laboratorio In genere dei ragazzi con poca esperienza più di noi e che sono stati autodidatti per lo più sono il nostro unico supporto. Dopo pochi mesi dall'iscrizione all'università hanno sin da subito accennato al fatto che avremmo usato delle cappe o quanto meno che esistevano ma non soffermandosi più di tanto sulla loro importanza La sensazione che ho avuto sin da subito era come se fosse scontato l'utilizzo e fosse ancora più scontato che funzionassero e che tutto era perfettamente regolare normale routine da laboratorio Il Prof mi ha dato l'impressione di avere una certa padronanza e tranquillità che anche se non ha spiegato praticamente nulla delle cappe era come se già sapessimo come avremmo dovuto usarle Poi in laboratorio effettivamente è stato facile, alzato tutto il vetro per stare comoda ho acceso il pulsante e via la cappa ha funzionato sin da subito e ricordo di aver pensato che ero veramente in gamba perché ero proprio una frana a usare gli apparecchi elettrici in genere Oggi dico che sono stata una stupida a pensarlo e che in realtà le cose da sapere sono moltissime ma non ho mai fatto un corso sulle cappe sinceramente anche perché non ne ho mai sentito parlare mi sembra di capire che li organizzate a Roma e probabilmente prenderò seriamente in considerazione la mia partecipazione la prossima volta Per concludere voglio dire che andrebbe migliorato questo aspetto all'università perché poi le cappe si usano sempre e si trovano ovunque, anche la farmacia sotto casa mia ha una cappa e l'ho scoperto poco tempo fa perché proprio non lo immaginavo Voglio complimentarmi per gli spunti che date con questi articoli che ho trovato utilissimi almeno per me che non ho ancora tutta questa esperienza lavorativa, forse chi è più esperto certe cose saranno pi scontate non saprei
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Salve Federica non sapevo di tale notizia e l'ho cercata su internet e ho trovato il link del giornale che ne parlava che riporto di seguito per dare conferma alle sue parole. http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/10/23/news/milano_incidente_in_un_laboratorio_della_statale_in_ospedale_due_ricercatori_e_due_studenti-98780882/?refresh_ce Invito sempre tutti a dare evidenza di fatti concreti con link a fonti ufficiali se possibili perché così è una ulteriore conferma dell'autenticità dei fatti riportati, cosa fondamentale. grazie
Marta Marta da Torino pubblicato il 12 marzo 2017 alle 15:07:
Salve mi chiamo Marta e sono un tecnico di laboratorio. Utilizzo le cappe da laboratorio praticamente da sempre, già alle scuole superiori avevamo un laboratorio e le usavamo ogni tanto. Il Professore mi sembrava preparato, sicuramente era appassionato della materia e ha cercato di trasmetterci quante più informazioni possibili nel poco tempo che avevamo. Oggi mi rendo conto che probabilmente non era poi così preparato su come deve essere usata una cappa chimica. All'università abbiamo usato le cappe ma spesso essendo in molti lavoravamo anche sui banconi perché non vi era spazio sotto cappa per tutti. Presi dalle lavorazioni sinceramente ne io ne i miei compagni ci siamo mai domandati nulla. C'erano anche i figli dei Professori tra noi quindi questo ci rincuorava e mai avremmo pensato che potessero essere messi in pericolo quindi si lavorava a testa bassa. Con il tempo mi sono resa conto che non eravamo molto diversi dalle cavie da laboratorio, chissà cosa ci stavamo respirando perché spesso e volentieri si sentivano puzze e capitava di alcuni ragazzi che versassero accidentalmente qualche sostanza. In realtà quello che mi preoccupava di più era il fatto che certe sostanze o meglio certi vapori si miscelassero tra loro dando origine a chissà cosa. Gli anni sono passati e di episodi spiacevoli ne sono capitati e come, persone che avevano giramenti di testa, irritazioni, alcuni si schizzavano con le sostanze e non essendo ben protetti si sono fatti male, versamenti accidentali, rottura di becher o Beuta con sostanze chimiche. Poi l'utilizzo del becco bunsen con riscaldamento delle sostanze chimiche e vapori che si diffondevano in tutta la stanza mi ha sempre dato da pensare, spesso ne usavamo anche decine in contemporanea e l'aerazione nei laboratori di chimica non è il massimo della vita. Infatti si aprivano le finestre per far circolare l'aria e pulire un pochino i vapori che c'erano. Mi ricordo ancora quando rientrando da una settimana di ferie o altro, entravo nei laboratori e avvertivo immediatamente degli odori strani. Ho leto molti degli articoli che ho trovato su questo blog chizard e devo dire che ad alcune cose non avevo proprio pensato, certe abitudini consolidate nel tempo ma pericolose le ho cambiate fortunatamente. Il grosso problema è che non ho mai sentito parlare nessuno di queste cose in un laboratorio, la cappa si accendeva e via era già pronta all'uso e funzionante. Almeno questo è quello che ho sempre pensato e che mi hanno trasmesso negli anni di università, andando a lavorare nelle aziende sinceramente non ho notato grandi differenze. Attualmente lavoro per un'azienda che fa analisi di campioni che vengono ricavati su cantieri esterni di grandi aziende molto note. Utilizziamo grandissime quantità di DIESEL ad esempio, litri e litri che vengono analizzati con i fanghi dei terreni, scaldiamo il diesel, benzene e i vapori generati sono tantissimi quindi lo facciamo sotto cappa ma per analizzarli abbiamo dei microscopi che i obbligano a esporre il viso a questi vapori Purtroppo per lavorare bisogna scendere a compromessi e non si riesce a far capire agli amministrativi i rischi che corriamo ma che poi in fin dei conti sono esposti anche loro a questi vapori perché sicuramente si propagano nello stabile anche perché i laboratori non sono in depressione quindi l'aria è libera di circolare dove vuole. E anche se poi vengono aperte le finestre i vapori vanno verso l'alto quindi se anche loro hanno le finestre aperte sicuramente rischiano di respirarle Qualche volta utilizziamo delle mascherine, non sono sicura siano quelle corrette perché sembrano molto leggere e approfondirò questa cosa perché darlo per scontato probabilmente mi fa correre dei rischi Abbiamo delle cappe aspiranti chimiche che funzionano o meglio penso funzionino perché viene un'azienda a controllare che è tutto ok e dopo qualche prova ci dicono che possiamo continuare a lavorare tranquillamente, sempre leggendo questi articoli ho letto da qualche parte che le cappe funzionano se poi sono tarate sul reale utilizzo che ne viene fatto quindi mi chiedo come facciano ad essere ok se poi nessuno ci ha mai chiesto che genere di lavoro eseguiamo sotto cappa? Scrivendo questa mia storia mi sto rendendo conto che effettivamente ci sono alcune domande al quale non ho mai dato una risposta Purtroppo si lavora sempre di corsa, il tempo è sempre poco e abbiamo carenza di personale quindi tutti dobbiamo fare un pò di tutto però mi prenderò del tempo per capire meglio se queste cappe stiano aspirando l'aria corretta o meno e se siamo tutelati lavorandoci Chiedere all' Repsonsabile sicurezza dell'azieda non mi aiuterebbe perché ne sa meno di noi di buon funzionamento delle cappe quindi dovrò studiare io personalmente, poi magari aggiorno questa breve storia con quello che ho scoperto sperando nel frattempo di aver migliorato la nostra condizione lavorativa con le cappe chimiche Non so se queste cose possono essere interessati per qualcuno, sicuramente la mia storia non è molto diversa da molte altre perché confrontandomi con i colleghi più o meno i percorsi sono simili e le conoscenze sulle cappe idem grazie
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Ciao Marta Ti ringrazio per aver deciso di scrivere la tua storia qui sul mio portale. Ti posso assicurare che sarà di aiuto a molti, tanti si ritroveranno in quello che dici e questo è normale, magari anche loro cercheranno delle risposte. E' stato molto interessante il pezzo iniziale dove dici: "Il Professore mi sembrava preparato, sicuramente era appassionato della materia e ha cercato di trasmetterci quante più informazioni possibili nel poco tempo che avevamo. Oggi mi rendo conto che probabilmente non era poi così preparato su come deve essere usata una cappa chimica." Questa tua riflessione in realtà l'ho sentita più e più volte da altri tuoi colleghi che hanno il medesimo ricordo della parte scolastica. Però eri molto giovane e quindi posso comprendere che non ti trovavi nella condizione di poter dire la tua o controbattere a quello che sembrava dire correttamente il tuo Professore. Non avevi l'esperienza ed era lui che doveva aiutarti a divenire una professionista, il grande problema è anche il fatto che non è mai esistito un vero testo sulle cappe da laboratorio. Oggi però le cose sono diverse, io stesso ho scritto un libro sulle cappe e come utilizzarle nel modo corretto dando moltissimi spunti ma è a pagamento per i molti quindi va bene non comprarlo ma questo portale è gratuito e di informazioni ne puoi trovare moltissime. allora mi domando: "perché ancora oggi si hanno questi dubbi e i tuoi colleghi lavorano con il pericolo di provocare incidenti e causare rischi chimici e biologici per se stessi e gli altri? Perché ancora oggi persone come te che sono divenute ormai delle professioniste trovano difficoltà a dire la propria? Avete forse paura di essere scomodi per le aziende e perdere il posto di lavoro? probabilmente questa potrebbe essere la risposta ma la mia è solo una supposizione e spero vivamente che non viviate in un clima del genere. Non dimentichiamoci che se voi avete la reale percezione del pericolo e i rischi chimici e biologi che correte tutti i giorni in laboratorio in pratica lavorate sottoposti a stress costante e prima o poi anche questo può portare ulteriori rischi Ti ringrazio nuovamente per aver commentato e ti invito a leggere gli articoli perché troverai alcune delle risposte che cerchi ma soprattutto puoi utilizzare anche il nostro nuovo CANALE YOUTUBE di chizard e se ti iscrivi potrai rimanere sempre aggiornata. buona giornata
Paolo Paolo da Roma pubblicato il 6 marzo 2017 alle 10:30:
Mi chiamo Paolo e anni fa mi sono iscritto alla facoltà di Chimica perché avevo una passione sin da bambino. Ricordo ancora quando mi regalarono il piccolo chimico per Natale, ero veramente euforico e non vedevo l'ora di giocarci. La mattina dopo mi sveglia prestissimo e inizia sin da subito ad armeggiare con quelle polverine che mi permettevano di avere delle reazioni chimiche. E' stato stupendo. Crescendo e proseguendo gli studi mi ricordo che alle scuole Superiori vedevamo i laboratori con il binocolo e quando ci andavamo ognuno faceva quello che voleva perché il Prof non lo ascoltava nessuno. Devo dire che già li vi erano sostanze pericolose e non so come nessuno non si sia fatto male. Un miracolo. Ma la mia passione per la Chimica cresceva anno dopo anno ed attendevo solo di arrivare all'università di Chimica, mi dicevo sempre che li avrei finalmente appagato la mia fame di conoscenza. Non vedevo l'ora di arrivare in dei veri laboratori di chimica, ben fatti e li immaginavo luccicanti e perfetti da ogni punto di vista con il personale di laboratorio pronto ad aiutarmi ad imparare dicendomi come e cosa dovevo fare. Mi sono quindi iscritto in Chimica e devo dire che il mio sogno è andato subito in frantumi. Dopo qualche mese ho visto per la prima volta i laboratori e sembravano usciti da un film in bianco e nero con strumentazioni vecchie e le cappe chimiche aspiranti in legno. Non ci potevo credere che in una facoltà di Chimica le cappe fossero ancora in legno ma da ignorante mi sono detto che forse era normalità ed era così che dovevano essere per lavorare in sicurezza. Anche se il legno non mi sembrava così nuovo, anzi. Ma poi studiando le sostanze che avremmo manipolato e leggendo alcune schede di sicurezza ho notato che molte di queste erano infiammabili allora ho pensato subito che probabilmente avevano usato un legno "altamente ignifugo"! 🙂 Scherzi a parte, mi sono sentito come una morsa allo stomaco nel rendermi conto che l'università, il posto in cui si formano i veri Chimici provetti, fosse così indietro. Ovviamente non tutte le cappe chimiche erano in legno, vi erano alcune cappe in altri materiali più nuove sicuramente ma nessuno mi ha mai spiegato nel dettaglio come dovessi lavorare in sicurezza ed usare le cappe. Non esiste nessun corso specifico e questa cosa è incredibile. L'informazione che è stata passata era, accendi la cappa e se senti il motore funzionare allora usala altrimenti trovane un'altra. Alcuni usavano una tecnica "avanzatissima" per capire se la cappa stesse aspirando, Mettendo un foglietto di carta davanti e osservando se si muoveva un pochino. Insomma sono passati gli anni, sono state usate sostanze su sostanze ma nessuno mai ha pensato di formare me o gli altri ragazzi sull'utilizzo di una cappa. Poi trovo questo portale e scopro che le mie remore erano fondate e che effettivamente c'è e c'era moltissimo da sapere sulle cappe chimiche. Ho letto veramente informazioni utilissime e che spesso possono sembrare banali al punto che mi continuo a chiedere come mai non ci sono state spiegate all'Università? La risposta che mi sono dato da solo e che ho letto tra le righe anche qui è che spesso gli stessi PROFESSORI non sanno assolutamente come si deve usare una cappa nel modo corretto. Probabilmente ancora oggi si trascinano vecchie realtà in cui tutti facevano così e non hanno mai pensato di approfondire tali tematiche. Oggi sono più consapevole che non ne capisco nulla di utilizzo corretto di cappe e quel poco di esperienza che ho l'ho fatto sulla mia pelle e chissà quali conseguenze ne pagherò. Avrò commesso veramente moltissimi errori durante gli anni, anni in cui chissà cosa mi sono respirato, anni in cui l'utilizzo di sostanze pericolose sono entrate nel mio corpo per mia colpa oltre che di chi doveva pensare a tutelarmi. Oggi giorno si sente parlare in continuazione di tumori e personalmente ho diverse persone che conosco che combattono tutti i giorni con questi problemi. Spero solo di non essere uno di quelli che tra qualche anno ne pagherà le conseguenze per colpa di un sistema arretrato e una finta sicurezza che ha il solo scopo di salvare le apparenze e tutelare pochi. Il mio consiglio quindi per chi si avvicina a questo mondo della Chimica e all'utilizzo delle cappe chimiche è uno solo: NON FIDATEVI DI NIENTE E NESSUNO MA SOLO DI VOI STESSI, studiate e cercate le informazioni dove sono più carenti perché la vostra vita vale più di un bel voto o di una bella figura con il Prof. Nessuno mai vi potrà ridare la salute. Paolo
Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe" Risposta dell'amministratore di: Fabrizio Cirillo "il Boss delle Cappe"
Grazie mille per aver deciso di raccontare la tua storia Paolo, sarà sicuramente di aiuto ad altri e da spunto per lasciare le proprie storie. grazie ancora per il contributo, continua a seguirci e iscriviti al canale di Chizard Youtube per vedere i nuovi video.

To Top