Cappe Chimiche Estrazione Totale (DUCTED)

Hai una cappa chimica DUCTED o DUCTLESS? Scopri la velocità di aspirazione che devono avere

 

Se anche a te è capitato di aver sentito parlare di cappa chimica DUCTED o cappa chimica DUCTLESS senza capire cosa siano, sei nel posto giusto.

Infatti con questo articolo vorrei spiegarti velocemente di cosa si tratta e poi darti qualche spunto in più in via generale su queste due tipologie di cappe.

Le domande che in genere mi vengono fatte quando si parla di cappe chimiche ad esempio sono:

Quale velocità devo avere con la mia cappa per la tipologia di sostanza manipolata? 

Esiste una tabella che indichi le velocità , da poter utilizzare a seconda della sostanza che viene manipolata così da regolare anche il saliscendi?

Intanto è importantissimo capire se hai una

– cappa chimica DUCTLESS (a ricircolo)

– una cappa chimica DUCTED (a estrazione totale)  

infatti questo è il bivio cruciale che tu come tutti gli operatori di cappe dovete tenere seriamente in considerazione sin dal principio, sarebbe meglio farlo in fase di acquisto ma se la cappa chimica è già presente l’importante è capire la tipologia in tuo possesso.

Se ancora non ti sei iscritto al nostro canale Youtube ti invito a farlo immediatamente così da poter restare aggiornato, intanto ti inserisco un video che può aiutarti a fare chiarezza velocemente e che ti consiglio di vedere dopodiché continua pure a leggere il resto dell’articolo.

E non dimenticarti di lasciare un commento grazie.

Ho scritto anche un articolo per chi si approccia all’utilizzo di una cappa chimica per la prima volta o per chi crede di non essere stato istruito per bene sin dall’inizio , lo trovi qui

Primi passi con una Cappa Chimica e non sai cosa fare? Scoprilo subito in questo articolo.

Oppure puoi trovare qualche indicazione in più sulle cappe chimiche DUCTED o cappe Chimiche DUCTLESS in questo altro articolo:

Carboni attivi cappe chimiche da sostituire o ingerire? quando e perché?

Quindi, cosa vuol dire possedere una cappa a RICIRCOLO DUCTLESS in parole povere?

Significa semplicemente che la tua cappa chimica è già dotata all’interno di essa o mediante un box sopra di essa di filtri a carboni attivi per sostanze chimiche così da poter filtrare l’aria aspirata sul fronte per poi poterla appunto “ricircolare” in ambiente.

Esistono diverse case costruttrici di cappe chimiche di questa tipologia come:

  • Aquaria srl
  • Erlab
  • Asal
  • Folabo
  • ats faar

e altre ancora che ora non stò qui ad elencarti perché poco rilevante, ti basti sapere che puoi trovare in commercio quindi tante tipologie di cappe 

e ti consiglio di non dare per scontato il fatto che siano tutte uguali perché credimi quando ti dico che una cappa chimica DUCTED è diversa da un’altra con la stessa denominazione e concezione.

Infatti possono differire per molti aspetti come:

  • qualità dei materiali di costruzione
  • velocità di aspirazione
  • tipologia di carboni installati
  • spessori massimi di carboni installabili
  • quantità di carboni installabili
  • reale contenimento dei vapori
  • regolazione velocità più o meno sensibile
  • sensori e display digitali o meno
  • durata nel tempo
  • componentistica hardware (motori , schede e sensori)

e potrei continuare ancora a lungo ovviamente, ma non sono un costruttore e non mi interessa venderti nulla (tranne il mio servizio di controlli su cappe ovviamente)

Sicuramente negli anni ho avuto modo di verificare oltre 15000 Dispositivi di protezione collettiva e quindi anche molte cappe chimiche DUCTED e DUCTLESS , quindi conosco tutti i pregi e difetti delle varie tipologie di cappe.

Io faccio sempre questo paragone, devi immaginare le cappe come le automobili e quindi come ben saprai anche tra le auto puoi trovare TOP di Gamma a scendere

Una Ferrari non è come una utilitaria sia per prestazioni che per costi ovviamente.

La differenza è sostanziale anche tra le molte cappe in commercio , solo che potresti mettere seriamente in pericolo la tua vita non solo per la scelta ma soprattutto per la tua esperienza di utilizzo delle stesse.

Infatti se ti metti alla guida di una FERRARI senza aver mai fatto un corso di guida veloce o altro , stai pur tranquillo che rischi di farti male, la differenza con le cappe è che davanti qualsiasi cappa ti trovi rischi di farti male se non conosci perfettamente come va utilizzata al meglio.

Attento perché potresti trovarti nella condizione di avere una cappa chimica DUCTLESS (con carboni attivi a ricircolo) ma che sia ugualmente stata collegata all’esterno e in questo caso prenderà le caratteristiche di una cappa chimica DUCTED a tutti gli effetti con l’unica differenza di avere anche dei carboni a monte dell’espulsione.

Ti consiglio quindi di prendere il manuale della tua cappa per approfondire il tutto oppure chiedere alla tua assistenza tecnica.

Ti chiedo di approfondire prima di proseguire nella lettura perché se per caso ti trovi ad avere una cappa Ductless , la stessa monterà dei filtri a carboni attivi e devi sapere che non esistono dei filtri in commercio capaci di trattenere qualsiasi tipologia di sostanza chimica.

Infatti i carboni attivi , sono appunto attivi/attivati chimicamente per reagire con le diverse sostanze specifiche che uno deve manipolare quindi se usi Formaldeide

NON puoi avere un carbone generico per tutte le sostanze chimiche e così via.

Questo quindi ancora prima di parlare di velocità dell’aspirazione perché se hai anche una ottima velocità sul fronte ma poi il tuo carbone attivo all’interno non è idoneo per trattenere o meglio ADSORBIRE le sostanze che manipoli , allora cosa ci fai di una buona velocità sul fronte?

Capito adesso il perché è fondamentale questo primo step?

Detto questo, se invece hai una cappa chimica DUCTED con l’espulsione totale dell’aria all’esterno del tuo laboratorio ( spero sul tetto e non fuori dalla finestra affianco)

Allora possiamo iniziare a ragionare un pochino diversamente sull’utilizzo del saliscendi-vetro frontale a un’altezza piuttosto che un’altra a seconda della sostanza manipolata.

Rimane il fatto che se anche butti all’esterno l’aria, andrebbe sempre filtrata prima soprattutto se usi sostanze cancerogene ma anche per te stesso perché sposti semplicemente il problema dal tuo ambiente di lavoro all’ambiente esterno che tutti noi respiriamo, compreso tu e i tuoi famigliari non trovi?

Dicevamo quindi che se hai una cappa particolarmente performante e che ti permette di poter gestire al meglio il tuo vetro saliscendi così da agire sulla velocità frontale allora devi capire che prima di tutto non esiste una normativa unica che regolamenti queste velocità.

Se capisci però il funzionamento della tua cappa potrai sicuramente evitare rischi dovuti a inalazione di sostanze chimiche.

Esistono quindi diversi riferimenti,

in genere si utilizzano le UNICHIM ma ci sono anche le SAMA per la cappa chimica DUCTED

e poi ci sono le AFNOR che vengono utilizzate per la cappa a ricircolo DUCTLESS

 

Ad ogni modo si puoi alzare ed abbassare il vetro frontale per diminuire o aumentare la velocità di aspirazione a patto che la tua cappa abbia una regolazione della portata in funzione quindi di tale apertura.

Ecco a te un’estrapolato della tabella ufficiale,

Classificazione INDICATIVA di una cappa chimica DUCTED  a estrazione totale , mediante lettera del pericolo secondo linee guida INAIL / Sama e UNICHIM192/3

Velocità cappa chimica Ducted

Questa invece una tabella riassuntiva con le categorie di una cappa chimica DUCTED secondo le SAMA

Classificazione cappa chimica Ducted


Questa invece una tabella riassuntiva con le categorie di una cappa chimica DUCTED interpretando le Unichim

 

Questa è una tabella riassuntiva per quanto riguarda una cappa DUCTLESS in riferimento alle AFNOR NF X15-211 / XP X15-203

 

Ti ho inserito solo un estrapolato appunto dalla Unichim perché preferisco non inserire una foto di alta qualità , è giusto che se ti occorrono seriamente  le acquisti così come abbiamo fatto noi anche perché ci sono molte altre indicazioni che potresti trovare all’interno.

Volevo solo farti capire il motivo per cui non esiste una regola unica che regolamenti tutte le cappe in ogni circostanza e per ogni tipologia di manipolazione.

Magari così ti è un pochino più chiaro il tutto.

 

ATTENZIONE però perché queste sono puramente indicazioni in quanto vorrei farti un’ esempio molto semplice,

supponiamo che tu debba analizzare della polvere di un toner che da scheda di sicurezza è cancerogeno.

A che velocità dovrà aspirare la tua cappa?

Guarda la tabella “indicativa” e prova a rispondere…

Se hai risposto che la velocità deve essere elevata in quanto molto tossica/cancerogena

HAI SBAGLIATO!

E te lo spiego subito, la polvere di toner se inserita all’interno di una cappa chimica Ducted con una velocità sul fronte di 0,8 m/s , la polvere di toner potrebbe essere immediatamente aspirata in quanto leggera non trovi?

Non solo perderesti il tuo campione ma oltretutto contamineresti l’intera cappa chimica e intaseresti gli eventuali carboni attivi che dovessero essere montati all’interno.

Capisci perché non esiste una normativa univoca che possa regolamentare tutte le cappe in tutte le situazioni possibili e immaginabili per tutte le sostanze chimiche attualmente in commercio sotto forma

·         solida

·         liquida

Ed ecco perché torno a dirti come già spiegato in precedenti articoli, conviene sempre fare un’attenta analisi della propria situazione lavorativa seguendo questi semplici passaggi:

·         Scriversi perfettamente le sostanze manipolate e quantità

·         Fare un’esame dei rischi legati alle sostanze appunto

·         Contattare un’azienda di assistenza tecnica seria che possa fare da consulente

·         Verificare la tua cappa e capire lo stato attuale e prestazionale

·         Decidere se tali dati possano essere soddisfacenti oppure dirottare su altra cappa alcune lavorazioni

·         (se la cappa lo permette) far verificare all’assistenza la velocità di aspirazione alle varie altezze del vetro

·         Predisporre quindi il vetro frontale all’altezza desiderata con un po’ più di tranquillità ovviamente

N.B. quando decidi di alzare o abbassare il vetro frontale sappi che devi sempre aspettare un 10/15 minuti affinchè il flusso si stabilizzi definitivamente perché appunto la velocità che verrà misurata dall’assistenza è una velocità media nel tempo quando il flusso è stabile (se è un’azienda seria e qualificata)

Quindi sia all’accensione iniziale del mattino che in caso di apertura e chiusura del saliscendi, attendi sempre il tempo necessario affinchè si stabilizzino i flussi.

E’ molto importante.

Ps spero di averti aiutato e fatto capire anche mediante la tabella che ad esempio flussi di 0,95 m/s o più non aiutano a risolvere il problema,

anzi lo potrebbero aggravare

sicuramente tu ti potresti svegliare con un colpo della strega alla schiena per essere stato investito da una corrente d’aria elevata durante le lavorazioni.

Credimi.

 

Spero ti sia piaciuto questo articolo sulla cappa chimica DUCTED , nel caso

Aiutami a condividere queste informazioni , girale direttamente ai tuoi colleghi così da aiutare anche loro a formarsi e informarsi adeguatamente e prevenire rischi reali per la propria salute.

Inoltre se vorrai, potrai commentare tutti gli articoli e darmi suggerimenti di qualsiasi tipo oltre che tematiche che vorresti approfondire.

 

ciao al prossimo articolo.

Fabrizio Cirillo

Torna inizio pagina

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmailFacebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Puoi raggiungere facilmente l'articolo con: https://www.chizard.it/2
2 Comments

2 Comments

  1. Alesssandro

    26 giugno 2016 at 14:21

    Guida molto utile e veloce
    Apre di non poco i propri orizzonti conoscitivi.
    Esposizioni molto performanti e intuitive come deve essere una buona guida.
    La guida e’ molto utile
    Bravi

    • Fabrizio Cirillo

      2 luglio 2016 at 9:53

      Ciao Alessandro
      grazie per aver lasciato il tuo commento.
      Sono felice di poter essere di aiuto e che la guida ti sia piaciuta.
      Spero tu possa trovare l’assistenza tecnica di cappe chimiche o cappe biologiche più vicina a te
      e nel caso non trovassi nulla puoi sempre contattarci o visitare il nostro sito http://www.technosrl.it
      noi ci troviamo a Roma ma riusciamo anche a muoverci avendo molti tecnici.
      ciao e continua a seguirmi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 9 =

Articoli Più Letti

To Top